Il 10 dicembre 1948, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione universale dei diritti umani, il documento che indica, nel rispetto degli uguali diritti di ogni essere umano, il fondamento di un mondo libero, giusto e pacifico. Eppure, ad oggi, non uno degli stati firmatari ha riconosciuto ai cittadini tutti quanti i diritti che si era impegnato a promuovere.

Per celebrare il 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani e ribadirne i contenuti e il valore, ActionAid, Amnesty International Italia, Caritas, EMERGENCY e Oxfam hanno organizzato delle fiaccolate in tutta Italia e lunedì 10 dicembre, dalle 18.30 si scenderà in piazza in 80 città per accendere una candela contro le violazioni dei diritti umani, diffuse quotidianamente nel mondo e nel nostro Paese.

In Italia, la negazione nella pratica di questi diritti sta facilitando la diffusione di nuove forme di razzismo, la solidarietà è considerata reato, l’odio per il diverso prevale sullo spirito di fratellanza, l’aiuto viene tacciato di buonismo. Per questo, oggi più che mai, è necessario recuperare quei principi di umanità e di convivenza civile che sono alla base della Dichiarazione e che la retorica della paura sta cercando di smantellare.

Le organizzazioni promotrici della manifestazione e tutte le persone, le associazioni, le istituzioni e le scuole che condividono questa emergenza sfileranno insieme a testa alta per ricordare i valori della Dichiarazione e dire al mondo “Noi stiamo dalla parte dei diritti e delle persone”.

A Milano la fiaccolata partirà alle 18.30 da piazza della Scala.